Leggere nel carcere di Poggioreale - Parte "Liberi di Pensare"

Artcolo del: 31-01-2017


fotoOggi ha inizio il progetto "Liberi di pensare" che avrà luogo nel carcere di Poggioreale ed è promosso dall'associazione "La mansarda", ideata nel 2004 da Samuele Ciambriello.

Il progetto ha un duplice obiettivo: intende stimolare il pensiero e la riflessione dei detenuti e ad intrattenerli.

I volontari dell'associazione illustreranno 4 libri ai detenuti, che saranno invitati a leggerli. Al termine del periodo di lettura, i lettori prepareranno alcune domande da rivolgere di persona agli autori, nel corso delle presentazioni delle opere nella casa circondariale. Oltre ai libri, saranno visionati alcuni cortometraggi.

La nostra cooperativa ha contribuito all'acquisto dei libri per l'iniziativa.

Quali romanzi? Ecco l'elenco:

- "La tempesta di Sasà" di Salvatore Striano.

- "L'innamoratore" di Stefano Piedimonte.

- "Single per legittima difesa" di Nunzia Marciano.

- "Mia" di Federica Flocco.

Ai detenuti verranno mostrati i cortomtreggi "Stella" di Gabriele Salvatores, "La pagella" di Alessandro Celli, "Piccole cose di valore non quantificabile" di Paolo Genovese e Luca Miniero, "Fuga d'affetto" realizzato con la partecipazione di 25 detenuti dell'Istituto Penitenziario di Parma.